Gioco d’azzardo responsabile: diamo i numeri

avanziEditoriale di ALEA Bulletin 2016-2

L'Italia è uno dei più importanti produttori di alcolici del mondo ed anche, da qualche anno, uno dei più importanti consumatori di gioco d'azzardo. Alcool e gioco d'azzardo sono legali, ma possono dare dipendenza, e possono essere dannosi molto prima di dare dipendenza. L'accesso al loro consumo è vietato ai minori di 18 anni e accompagnato da avvertenze sulla pericolosità dell'uso. L'eccesso di alcol alla guida è sanzionato dal Codice della Strada, il consumo di tabacco è proibito negli spazi pubblici e sul gioco d'azzardo il messaggio è invece "devi limitarti da solo".
L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dato indicazioni quantitative precise perché il danno dato dal consumo di alcolici sia basso e accettabile: i limiti sono basati su caratteristiche individuali e di genere, che corrispondono a 40g di alcool o 2-3 UA (Unità Alcoliche) al giorno per l'uomo e 20g di alcool o 1-2 UA al giorno per la donna, mentre gli over 65 anni si devono limitare ad 1UA al dì.

Ricordiamo che 1 UA corrisponde a 12g di etanolo e quindi a circa 125ml di vino al di media gradazione (12%), oppure a 40ml di superalcolici (gradazione 40%), oppure a 330ml di birra di media gradazione (4%) [1].
Per quanto riguarda invece il gioco d'azzardo le uniche indicazioni fornite per limitare i danni sono dei generici "gioca in modo responsabile" oppure "gioca senza esagerare" o anche "gioca il giusto", che rimandano al libero arbitrio e alla responsabilità individuale. Senza contare la reiterata e volutamente ambigua omissione della specifica "d'azzardo" quando si parla di questa tipologia di gioco.
Nella puntata del 21 dicembre 2012 di "Crozza nel Paese delle Meraviglie" [2], che come data coincideva con l'attesa della fine del mondo secondo il calendario dei Maya, Maurizio Crozza ironizzava sulla vocina che, al termine delle pubblicità sul gioco d'azzardo, dice: "gioca responsabilmente". Secondo Crozza è come se la vocina ti dicesse: "Annega, ma con cautela!", "Sparati, ma con prudenza!", "Buttati dalla finestra, ma copriti perché fa freddo!" ...
Per aiutarci ad andare oltre le raccomandazioni generiche e paternalistiche, che tanto assomigliano a certe ipocrite preoccupazioni e si riferiscono a un fantomatico "gioco responsabile", possiamo prendere in considerazione uno studio canadese pubblicato su Addiction [3], che finalmente esplicita in unità di misura quantificabili, quali sono i limiti economici e temporali che rendono il gioco d'azzardo meno dannoso.
Mi riferisco a "Risk of harm among gamblers in the general population as a function of level of participation in gambling activities" (Addiction, 101, 570–580, 2006) di Currie e colleghi dell'Università di Calgary, che dopo uno studio su un campione significativo fatto di 19mila giocatori hanno identificato i limiti che portano a fare un gioco d'azzardo a basso rischio di danno.
Lo studio ha mostrato che il danno cresce in funzione di quanto più frequentemente si gioca d'azzardo e quanto più denaro si gioca.

I limiti ottimali per partecipare al gioco d'azzardo con basso rischio di danno sono tre e vanno soddisfatti tutti e tre:

  • Non giocare d'azzardo più di due-tre volte al mese.
  • Giocare al massimo l'1% del proprio reddito mensile.
  • Qualunque sia il reddito individuale, non giocare in un anno più di 500-1000 dollari.


Questo significa che se un pensionato prende 800 euro di pensione, potrà giocare al massimo 8 euro in un mese, ma se una persona ha un reddito milionario, è meglio comunque che non giochi nell'anno più di 500-1000 euro. Ed entrambi non devono giocare più di due-tre volte al mese.
Lo studio si avvale di modelli di regressione logistica che hanno mostrato un significativo aumento del rischio di danno correlato al gioco d'azzardo quando i limiti sopra elencati (sopra) vengono disattesi.
Dallo studio sono stati esclusi i giocatori di lotterie settimanali a pochi dollari, che risultano meno a rischio di danno vista la scarsa frequenza del gioco, la lontananza temporale dall'estrazione e la piccola cifra investita. Anche nella nostra esperienza clinica sono più pericolosi i giochi azzardo con esito immediato e che possono essere immediatamente e continuamente ripetuti (quali ad esempio new slot, VLT, gratta e vinci, 10e lotto, giochi d'azzardo online).
Lo stesso gruppo di lavoro canadese ha continuato lo stesso studio ed è arrivato a confermare le conclusioni precedenti, che sono state pubblicate su Addiction nel 2012 nell'articolo "Examining the predictive validity of low-risk gambling limits with longitudinal data" [4].
E' giunta l'ora di cominciare a fare prevenzione parlando chiaro, parlando di limiti quantificabili e non di "fuffa" che finge di dare avvertenze, ma in realtà confonde e probabilmente ha il solo scopo di evitare denunce per danni provocati dal gioco d'azzardo.

 

 


Maurizio Avanzi

 


Bibliografia

  • Anderson P. Alcohol and primary health care. WHO Reg Publ Eur Ser. 1996; 64:1-90.
  • https://www.youtube.com/watch?v=2ke4f2GT8fc. (Accesso il 29/8/2015).
  • Currie SR, Hodgins DC, Wang J, el-Guebaly N, Wynne H, Chen S. Risk of harm among gamblers in the general population as a function of level of participa- tion in gambling activities. Addiction. 2006 Apr;101(4):570-80
  • Currie SR, Hodgins DC, Casey DM, el-Guebaly N, Smith GJ, Williams RJ, Schopflocher DP, Wood RT. Examining the predictive validity of low-risk gambling limits with longitudinal data. Addiction. 2012 Feb; 107(2):400-6. doi: 10.1111/j.1360-0443.2011.03622.x. Epub 2011 Oct 26

Seguici su Twitter
  • Il poker consente di dimenticare tutto, compreso il fatto che non possiamo permetterci di giocare.

    Philippe Bouvard

  • "Non avendo pensieri da scambiarsi, si scambiano le carte, e cercano di portarsi via l'un l'atro i fiorini"
    A. Schopenauer

  • Il giocatore d'azzardo quanto più è bravo nel suo mestiere, tanto più è disonesto.
    Publilio Siro, Sentenze

  • Nessun cane può correre così veloce come i soldi che scommetti su di lui.

    Bud Flanagan

  • I mercoledì di ALEA

    primo incontro:
    17 marzo 2021
    ore 18 - 20

    Imparare dal COVID-19

    Quando dal lockdown si possono ricavare indicazioni per la prevenzione del Disturbo da Gioco d’Azzardo dal punto di vista ambientale

    Esiti di una ricerca multicentrica pubblicata su International Journal of Environmental Research and Public Health


    Con: Maurizio Avanzi, Silvia Cabrini, Daniela Capitanucci, Maria Anna Donati, Caterina Primi, Roberta Smaniotto

    La partecipazione è aperta al pubblico previa registrazione.

    per partecipare

    Registrarsi QUI

    Programma dei lavori

    17:45 – 18:00

    Collegamento dei partecipanti alla piattaforma Zoom

    18:00 – 20:00

    Esposizione e discussione

    Per scaricare la locandina cliccate QUI

  • Il gioco è un suicidio senza morte.
    André Malraux La condizione umana, 1933

  • Il senso del cavallo è un buon giudizio che trattiene i cavalli dallo scommettere sulle persone.

    W.C. Fields

Resta in contatto !

ALEA – associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio - Licenza Creative Commons - CF e PI  01010650529 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - HTML5 and CSS3 compliant - I contenuti del sito ALEA sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported