Alea Bulletin

Bollettino di informazione specialistica in materia di azzardo. La redazione di Alea Bulletin, con periodicità variabile, raccoglie riflessioni, approfondimenti, recensioni, al fine di alimentare il dibattito scientifico e di offrire alla comunità degli operatori che lavorano nel settore informazioni corrette ed aggiornate.

ALEA Bulletin

2013

n° 2

Quando solo la cronaca ci fa riflettere ... Ma i buoi sono già scappati

preiti2Di questi giorni notizia dell'ennesimo atto di disperazione e violenza..in qualche modo connesse al gioco d'azzardo. "Preiti spara ai carabinieri davanti a Palazzo Chigi..voleva che gli sparassero.." Ovviamente tante sono le componenti di questo disastro, di una vita dove la perdita dell'attività lavorativa si intreccia coi i fallimenti esistenziali, la crisi e la disoccupazione,fino all'estremo rilancio nel gioco.. Il gioco d'azzardo certo non è l'unico componente, ma ne è amplificatore, acceleratore del disastro..ciò che mi colpisce e come il gioco rappresenti sempre più spesso per molti, troppi, l'ultima spiaggia..

{jcomments on} Una spiaggia di cui non si sente francamente l'esigenza,a fronte di già altre occasioni di impoverimento collettivo, e non sto parlando solo di quello strettamente economico..
Finire nel tritacarne del gioco d'azzardo non è solo passare rapidamente dai sogni illusori di una ricchezza salvifica a una brusca caduta nella miseria, alla disperazione nera di rubare i soldi dal salvadanaio dei propri figli , ma anche l'angoscia di rimanere completamente soli, di vedere il proprio tempo depauperato e snaturato dalla febbre dell'azzardo..non si perdono solo i propri averi giocando, ma si perde il proprio tempo, i propri affetti, la propria vita..

 

I piccoli comuni, di questo malessere generalizzato e indotto, se ne stanno accorgendo meglio e prima che le grandi città, dove tutto è mastodontico e immobile..I comuni hanno capito, già da tempo, che i proventi (sempre minori per altro) che arrivano allo stato, non bilanciano in nessun modo i danni che il gioco diffuso in modo così capillare provoca coinvolgendo sempre più i loro concittadini nell'azzardo patologico. Sempre più famiglie coinvolte che non riescono più a pagare bollette o affitti, sempre maggiori le richieste ai servizi sociali di un contributo economico; gli assistenti sociali e i sindaci scoprono di dover fronteggiare una vera emergenza che coinvolge anziani, pensionati, donne , giovani, e che la mancanza di occupazione,spesso correlata al gioco, non è più l'unica causa della bancarotta. Del resto ma recente ricerca svizzera sui costi sociali dell'azzardo, dimostra che, ancorché i proventi del gioco d'azzardo non ritornano mai ai comuni.ma rimangono nelle casse statali, lo stato stesso non ne beneficia più di tanto. Infatti i costi sociali e sanitari, diretti e indiretti ammontano, con una traduzione della ricerca svizzera (Università di Neuchatel) sulla situazione italiana, a 5/6 miliardi di euro !

È a questi vanno aggiunti i costi della lotta alla criminalità organizzata, riciclaggio e usura che il gioco, anche legale, comporta (come da ultima audizione in Parlamento di Libera, lotta alle Mafie).

Ecco due conti della serva..
Costi sanitari diretti: ricorso al medico di base del 48% più alto rispetto ai non giocatori, interventi ambulatoriali psicologici, ricoveri sanitari, cure specialistiche per la dipendenza
Costi sanitari indiretti: perdita di performance lavorativa del 28% maggiore rispetto ai non giocatori, perdita di reddito..
Costi per la qualità della vita: problemi che ricadono sui familiari, violenza, rischio di aumento di depressione grave, ansia, deficit di attenzione, bassa resistenza ad altri tipi di dipendenze, idee suicidarie, ossessione per il gioco e per i soldi necessari a giocare..
Tutto questo a fronte di un ricavo di "soli" 8 miliardi di euro da parte dello Stato! Il gioco..vale la candela??
Già tre anni fa il comune di Empoli, col vicesindaco Torreggiani, si era mosso radunando più di 100 comuni per trovare insieme una strategia di contrasto al fenomeno dilagante delle concessioni di sale scommesse, sale slots o VLT, e istallazioni di slots nei locali pubblici..trovare una strategia usando le poche leggi su cui i comuni possono avere autonomia di delibera non è stat facile, come insegna l'esperienza di Verbania; i gestori hanno impugnato, dopo anni, la restrizione degli orari degli esercizi, atte a proteggere minori e anziani dal passare l'intera giornata davanti alle slot, e hanno ottenuto persino un risarcimento danni dal Comune!!
Questo ha portato i comuni,a perseguire strade sempre più organizzate, facendo riferimento anche ai regolamenti di urbanistica, traffico, pubblica sicurezza..

Il sindaco di Pavia Alessandro Cattaneo,(città più colpita dal gioco d'azzardo in Italia) ha aderito in quanto vice presidente dell'Anci (Associazioni dei comuni italiani) al Manifesto NO SLOT, e mano mano tutti i comuni stanno adottando questo Manifesto che permette di dare visibilità e incentivi ai locali che scelgono di non tenere più slots.

Ci auguriamo che lo Stato , con lo spiraglio di legge che il decreto Balduzzi ha aperto, si interroghi sulla necessità di limitare la diffusione e la pubblicità dell'azzardo, sul dovere di investire in una ricerca sul reale impatto del gioco patologico in Italia, e sulla possibilità di dare concreto accesso alla cura di questa patologia presso il servizio sanitario nazionale e il privato sociale accredita- to.Che questo possa avvenire anche attraverso diversi meccanismi di tassazione del gioco che vadano a creare un budget,svincolato da interessi economici di alcun genere, per implementare lo studio delle migliori terapie disponibili per contrastare questa dipendenza e per la promozione di interventi di prevenzione primaria e secondaria/strutturale, atti a ridurre l'accesso alle situazioni di rischio .

Se il Nuovo Osservatorio che si sta creando a livello nazionale non sarà solo una vetrina politica ma attore di intervento reale e incisivo di cambiamento, si vedrà presto.
Per farlo potrà fare tesoro del "know how" delle storiche associazioni no profit che da anni lavorano grazie a professionisti e esperti del settore, in un vuoto istituzionale preoccupante, per creare una cultura contro l'azzardo patologico, laica e svincolato da ogni interesse politico o economico delle lobbies dei gestori.

Fulvia Prever

  • Edizioni

    2013

    2014

    2015

    • 2015-1 > PDF > Blog
    • 2015-2 > PDF > Blog

    2016

    • 2016-1 > PDF > Blog
    • 2016-2 > PDF > Blog
    • 2016-3 > PDF > Blog

    2017

    • 2017-1 > PDF > Blog
    • 2017-2 > PDF > Blog

    2018

    • 2018-1 > PDF > Blog
    • 2018-2 > PDF > Blog

    2019

    • 2019-1 > PDF > Blog

  • Redazione Alea Bulletin

    Gianni Savron

    Gianni Savron

    Graziano Bellio

    Graziano Bellio

    Daniela Capitanucci

    Daniela Capitanucci

    Gianmaria Zita

    Gianmaria Zita

    Fulvia Prever

    Fulvia Prever

    Claudio Dalpiaz

    Claudio Dalpiaz

    Maurizio Avanzi

    Maurizio Avanzi

  • F.A.Q.

    CHE COS'È QUESTA ROBA ?

    Caro lettore, ha davanti a te Alea Bulletin, una pubblicazione elettronica curata da ALEA in tema di gioco d’azzardo e gioco d’azzardo patologico.

    E CHI È ALEA ?

    Alea è l’associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio, la prima società scientifica italiana che si è impegnata nel campo dell’azzardo. Alea riunisce i maggiori studiosi italiani della materia e ha la missione di studiare il fenomeno del gioco d’azzardo e le sue ricadute personali, familiari, sociali, prima fra tutte lo sviluppo della patologia di dipendenza correlata (disturbo da gioco d’azzardo)

    NON SENTIVO IL BISOGNO DI UN’ALTRA MAIL INUTILE NELLA MIA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA.

    Hai tutta la nostra solidarietà: la mail inutili (spam) producono un danno significativo a chi lavora. Alea Bulletin verrà proposto a cadenza dilazionata, 3-4 volte l’anno ed è pronto a cancellarti dalla lista di invio se non ne vuoi più sapere. Le istruzioni per cancellarti sono in coda al Bulletin. Inoltre la mail non contiene la pubblicazione in allegato, ma solamente il link per poter scaricare i contenuti dal sito: ciò rende leggero il messaggio di posta e non appesantisce la tua casella. Abbiamo creato una mailing list iniziale con indirizzi di persone che supponevamo interessate. Se ci siamo sbagliati, ci scusiamo.

    VA BENE, PERÒ PRIMA VOGLIO CAPIRE: COSA C’È DENTRO ‘STO ALEA BULLETIN?

    Alea Bulletin è un prodotto unico nel campo italiano: propone brevi articoli sul tema dell’azzardo, organizzati in rubriche a cadenza variabile: ciò significa che non è previsto che ogni numero ospiti tutte le rubriche. Abbiamo pensato di organizzare gli articoli del Bulletin in: editoriali sintesi e commenti di un articolo significativo dal panorama internazionale sintesi e commento di un articolo significativo dal panorama italiano lavori o report originali su una propria esperienza o ricerca sunti di articolo, relazione o presentazione a convegno da parte dell’autore commenti, opinioni, valutazioni di normative, fatti, dichiarazioni, ed altro, in tema di azzardo recensioni di un manuale, un testo scientifico, un libro di narrativa, un film o altra opera artistica in tema di azzardo ‘fuori sacco’: contributi non organizzabili all’interno delle rubriche precedenti. Altre rubriche potranno essere inserite in futuro. Considera che al momento la pubblicazione, a causa della sua periodicità, non è adatta a commentare l’attualità o a fungere da notiziario con tempestività.

    MMHM... POTREBBE INTERESSARMI DARCI UNA OCCHIATA: TROVERÒ QUINDI GLI ABSTRACT DI ARTICOLI SCIENTIFICI?

    Troverai di più: alcuni articoli significativi verranno riassunti e commentati. Se gli articoli sono reperibili gratuitamente su Internet, ti daremo le coordinate per trovarli. Gli abstract invece li puoi trovare facilmente su Internet. Il ‘copia e incolla’ ci annoia: ci piace di più condividere un nostro pensiero, una nostra valutazione, qualcosa che ha stuzzicato il nostro interesse.

    CHI SCRIVE GLI ARTICOLI?

    Alea Bulletin è primariamente la voce di Alea e dei suoi soci. Potrebbero comparire anche articoli di altre persone non associate che ci sono vicine e che invitiamo a collaborare. Ma se tu hai qualcosa da dire, avanza la tua proposta: i riferimenti sono nelle note in coda al Bulletin.

    VEDO CHE C’È UN COMITATO DI REDAZIONE. FARETE UNA SELEZIONE DEGLI ARTICOLI?

    La qualità è il nostro obiettivo fondamentale perché Alea Bulletin è il nostro biglietto da visita. È importante che gli articoli rispettino i nostri parametri editoriali, ma non abbiamo interesse a selezionare e a escludere a priori. Il comitato è lì per consigliare gli opportuni aggiustamenti ai testi. Comunque ci aspettiamo di ricevere articoli interessanti e contributi originali.

    OK, MI AVETE CONVINTO. COME FACCIO PER OTTENERLO?

    Se non sei nella nostra iniziale mailing list, iscriviti inserendo i tuoi dati nella prima sezione di questa stessa pagina. E ricorda: i tuoi dati servono unicamente per ricevere Alea Bulletin. Se vuoi altre informazioni visita ogni tanto il nostro sito web.

    TUTTO BENE, ADESSO PERÒ VENIAMO AL DUNQUE: QUANTO MI COSTERÀ?

    Nulla: Alea Bulletin è del tutto gratuito.

    UN’ULTIMA COSA: HO LETTO IL BULLETIN, MA NON HO TROVATO NULLA SULLA LUDOPATIA.

    Né mai troverai nulla: questo termine è un neologismo creato da chi guadagna sull’azzardo e quindi fatto rimbalzare ad arte sui mass media e, ahimè, nei documenti governativi. Ludopatia è un termine che non esiste né nei testi scientifici, né nei dizionari di italiano (anche se c’è da scommetterci che presto verrà inserito). Se proprio ci tieni a leggere cose sulla ludopatia, esistono altre pubblicazioni.


Seguici su Twitter
  • Il poker consente di dimenticare tutto, compreso il fatto che non possiamo permetterci di giocare.

    Philippe Bouvard

  • Nessun cane può correre così veloce come i soldi che scommetti su di lui.

    Bud Flanagan

  • Il giocatore d'azzardo quanto più è bravo nel suo mestiere, tanto più è disonesto.
    Publilio Siro, Sentenze

  • "Non avendo pensieri da scambiarsi, si scambiano le carte, e cercano di portarsi via l'un l'atro i fiorini"
    A. Schopenauer

  • Il senso del cavallo è un buon giudizio che trattiene i cavalli dallo scommettere sulle persone.

    W.C. Fields

  • Il gioco è un suicidio senza morte.
    André Malraux La condizione umana, 1933

Resta in contatto !

ALEA – associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio - Licenza Creative Commons - CF e PI  01010650529 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - HTML5 and CSS3 compliant - I contenuti del sito ALEA sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported