ALEA Bulletin

Periodico di informazione edito da ALEA

In questa pagina troverà spazio la pubblicazione del Bulletin di ALEA. Periodicamente, a cura del Comitato Direttivo, verranno offerti contenuti selezionati in materia di gioco d'azzardo: ogni numero sarà scaricabile in formato PDF e chiunque si registri tramite il modulo qui a destra potrà essere informato al proprio indirizzo di posta elettronica ad ogni nuova pubblicazione.

2013/1 - 2013/2 - 2013/3 - 2014/1 - 2014/2 - 2014/3 - 2015/1 - 2015/2 - 2016/1 - 2016/2 - 2016/3 - 2017/1 - 2017/2

Ricevi ALEA Bulletin nella tua casella di posta ad ogni nuovo numero !
Privacy e Termini di Utilizzo

Per Marina

marinadagatiDopo una lunga malattia che ha affrontato con grande forza e coraggio ci ha lasciati Marina D'Agati.
Docente di Sociologia alla Università di Torino, ricercatrice presso diverse istituzioni e università europee, tra cui EHESS (Parigi) Ecole Nationale des Chartes( Parigi) Universitè de Bretagne Occidentale (Brest), Universidad Rey Juan Carlos (Madrid), ESEC (Coimbra) e socia di ALEA, Marina era da tempo interessata al fenomeno del gambling nella nostra società. Aveva partecipato al nostro congresso di Roma nel maggio scorso e collaborato con noi in alcuni studi. Chi ha lavorato con lei non può che ricordarne con grande dolore il suo rigore metodologico insieme ad una grande ironia e feconda curiosità. Per il nostro Bulletin stava preparando una recensione del libro curato da Fulvia Prever e Henrietta Bowden-Jones, "Gambling Disorder in Women", che già aveva recensito per una rivista di sociologia. La sua sensibilità, la sua intelligenza e determinazione, l'hanno portata ad entrare subito in sintonia, sia a livello professionale che umano, col tema dell'azzardo al femminile, e su questo aveva molto da insegnare. Dal convegno di Varsavia 2016, dove ha presentato un contributo preparato con Mauro Croce sul tema delle comoridità tra gambling ed altre addiction e grazie alla comune amicizia con Mauro è cosi iniziata una splendida collaborazione. Nonostante l'aggravarsi delle sue condizioni, Marina stava preparando, insieme a Fulvia Prever un lavoro dal titolo "Never too old, never old enough... Gambling-related problems among older adults: risk factors and sperimental treatment with focus on women." che sarà presentato al convegno di Friborgo(CH) Gambling addiction: Science, Independence,Transparency) del 27-29 giugno 2018. In cantiere, insieme a Fulvia e alla collega Francesca Picone, c'era anche il sogno di un convegno "al femminile" in Sicilia, a cui lei tanto teneva, e questo sarà il nostro progetto a lei dedicato.
marinabookI suoi interessi non erano limitati al gambling ma il suo rigoroso ed intrigante sguardo sociologico la aveva portata ad approfondire tematiche molto ampie quali ad esempio i processi di formazione e trasmissione delle credenze collettive, i processi di socializzazione scolastica e di legittimazione istituzionale. Non possiamo poi non ricordare la sua passione per l'opera di Serge Gainsburg. Il suo ultimo libro, uscito poche settimane fa "Chi te l'ha detto? I rumors da Polifemo al web" Edizioni Epoké costituisce un riferimento di grande attualità sul fenomeno delle fake news nella società e sullo sviluppo dei rumors (pettegolezzi) nell'era del digitale. I cosiddetti rumor 2.0 ovvero le "catene di S. Antonio" inviate tramite email ed i numerosi fotomontaggi che spopolano in rete diventando virali. Un libro ricco di aneddoti e di analisi sullo genesi di note fake news dalla presunta morte di Paul McCartney, alle figurine imbevute di LSD sino alle teorie accademiche più accreditate. Il suo lavoro di studiosa l'ha vista collaborare con l' Université de Bretagne Occidentale di BREST , l'Universidad Rey Juan Carlos de MADRID, la Escola Superior de Educação de Coimbra. Sul gioco d'azzardo Marina, insieme al suo libro più noto (2005), Giocare d'azzardo. Rituali e credenze tra incanto e disincanto, Torino, Stampatori. Marina ci lascia numerosi articoli e ricerche che vogliamo ricordare, ma ci lascia anche molto di più: l'onore di averla conosciuta, giovane, entusiasta e competente, attenta alle dinamiche relazionali, onesta e leale, rispettosa del lavoro altrui come pochi riescono ad essere in un ambito Universitario spesso competitivo.

Una bella persona, che abbiamo avuto troppo poco tempo per apprezzare appieno e che davvero ci mancherà.

 

Pubblicazioni di Marina D'Agati sul Gambling

 

Stampa

“Slot: le luci intermittenti di Franco”, il docu-film dell’azzardo. di Claudio Dalpiaz

slotQuando Dario Albertini mi chiamò per avere consulenza in materia d’azzardo pensai che sarebbe stato difficile risuscire a rappresentare onestamente un dramma come questo. Che la “fiction” avrebbe preso il sopravvento e che gli attori non professionisti (amici di Franco, il protagonista) non sarebbero riusciti a portare in scena le emozioni e gli stati d’animo ambivalenti che la vicinanza con un giocatore patologico scatena. Ho dovuto ricredermi. La forza con cui la figura di Franco emerge dallo schermo, con tutta la sua umanità, la sua testardaggine, la sua fragilità, è qualcosa che lascia il segno.

Oggi Franco si dibatte fra il desiderio di cambiare definitivamente e la difficoltà di accettare o chiedere un aiuto per consolidare i progressi che ha fatto nella sua capacità di autocontrollo. La sua disponibilità a raccontarsi e tutto il percorso di frequentazione con la troupe di Sulla Strada Film ha rappresentato tuttavia un’esperienza terapeutica significativa: l’autonarrazione è sempre uno strumento di consapevolezza e di contenimento degli impulsi espremamente prezioso, uno strumento che del resto viene sistematicamente utilizzato anche nel contesto dei percorsi terapeutici intensivi che vengono offerti dal Progetto Orthos. “SLOT” è qui a rappresentare un monito per tutti coloro che si stanno avvicinando alla spirale del gioco e per chi, nelle amministrazioni, è chiamato a predisporre strumenti di prevenzione e di intervento a protezione di quelle fasce di popolazione che in genere, vivono già condizioni di svantaggio socioeconomico prima di essere sconvolte da questa forma di dipendenza. Un documento senza lieto fine, nel quale possiamo osservare il protagonista muoversi nel suo ambiente e portare sullo schermo le proprie modalità di stare al mondo. Un’occasione unica, per il clinico e per chiunque sia interessato alla materia, di osservare da vicino i meccanismi che accompagnano lo sviluppo della dipendenza e che perpetuano i comportamenti compulsivi.

 

  1. 1° premio D.ER. Miglior Documentario a VISIONI DOC
  2. Premio Marcellino De Baggis Miglior Documentario Opera Prima
  3. Premio Adriano Asti al Miglior Lungometraggio Valdarno Cinema Fedic
  4. Premio FEDIC per il Miglior Film prodotto da un autore Fedic
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn