Alea Bulletin

Bollettino di informazione specialistica in materia di azzardo. La redazione di Alea Bulletin, con periodicità variabile, raccoglie riflessioni, approfondimenti, recensioni, al fine di alimentare il dibattito scientifico e di offrire alla comunità degli operatori che lavorano nel settore informazioni corrette ed aggiornate.

ALEA Bulletin

2013

n° 1

Sotto la notizia, il falso

Darlin Do You GambleCominciano le conferme, ma prosegue la manipolazione delle notizie: ottenuta diffondendo una terminologia inappropriata e fuorviante. “Nella crisi, gli italiani riducono la spesa per i giochi pubblici. Stanno perdendo la speranza persino nella Dea Bendata”. Tg e giornali hanno rimbalzato la notizia. Come stanno le cose? E’ una informazione attendibile? E perché è stata diffusa? Il lessico impiegato è quello appropriato ?

 

Un po’ di pazienza, mettiamo in ordine dati e riferimenti. Primo elemento. La crisi di redditività della gigantesca macchina del gioco d'azzardo presenta adesso numeri importanti: per lo Stato, che nel 2012 ha rinunciato a quasi un miliardo di euro di ricavi; per i trust dell'alea che segneranno nei loro consuntivi somme inferiori a quelle del 2011. Due dati di fatto (netta perdita per l'Erario, ridotti margini per i concessionari) che vengono ammessi dai diretti interessati. Con una pesante omissione e con una retorica manomissione, però. Si lascia in ombra, infatti, che il denaro che nel 2012 gli italiani hanno immesso nei giochi è di una cifra superiore di quasi il 20 % a quella dell'anno precedente, con la quota confluita nei montepremi egualmente salita.

E la comunicazione sponsorizzata dai concessionari così riassume: fatta la differenza, la "spesa degli italiani" per il gioco pubblico è calata. Quasi a far intendere che le persone, scoraggiate dalla crisi economica generale, riducano il tempo davanti alle slot machine o al casinò on line, grattino meno tagliandi, scommettano meno spesso. E su tale "notizia" si sono compilati elzeviri, divulgate notizie e dichiarazioni. Con poca professionalità giornalistica, vale a dire non controllando i take delle agenzie di stampa.

Per "spesa" - asseriscono le fonti "interne" ai concessionari - si deve intendere solo la quota trattenuta (e suddivisa) dagli organizzatori dell'azzardo e dallo Stato: diciotto miliardi, probabilmente (perché mentre scriviamo ancora non è disponibile il bilancio completo di "conguaglio"). Non l'intera somma registrata dai sistemi informatici dei Monopoli (al netto di alterazione degli apparecchi "mangiasoldi"). Insomma, il fatto che in tutte le latitudini del Bel Paese si siano allungate le file per comprare Gratta e Vinci, per inserire monete nelle macchinette, mentre nelle abitazioni si tira sempre più fino all'alba per puntare al tavolo verde virtuale, tutto questo fenomeno di costume è presentato nei mass media come una inversione di tendenza: gli italiani spendono meno per il gioco! Non solo rinunciano a correre alle vetrine per i saldi dell'abbigliamento, ma anche si disaffezionano dal tentare la fortuna.

Corollario: non c'è ragione di allarmarsi per una improbabile epidemia di gioco d'azzardo patologico! Al massimo si tratta di Ludopatia...

Tralasciamo pure che le quote trattenute raggiungono una cifra comunque pari alla spesa per la Difesa militare. E dunque un effetto macroeconomico lo generano: sottraendo consumi ad altri settori del mercato dei beni e accentuando lo scoraggiamento delle domanda causato dal fisco.

Chagoya slot machineIl fatto è che la "raccolta" è in realtà "consumo". E il payout non è "restituzione": per l'insormontabile ragione che il gioco d'azzardo non è la sottoscrizione di fondi per una mutua, la quale a turno "restituisce" benefici a tutti i partecipanti! L'alea è un'anti mutua: qualcuno incassa, molti perdono. Se no, che gioco d'azzardo sarebbe?

E' vero che nei mercati del denaro accade qualcosa di analogo (si pensi alle finanziarie "a piramide", cioè ai "derivati"... e agli effetti micidiali che stiamo tutti patendo), ma per l'appunto l'abnorme business italiano dell'alea è coerente con il trend delle "bolle" speculative. Il paradigma è questo: impieghi di denaro crescenti, illusioni cognitive (euristiche) di vantaggi fantastici per gli investitori. Sempre più giocatori che immettono, sempre meno margini di profitto, ma crescente attesa di "montepremi" sulla finanza creata nell'impiego di risparmi nel "sistema gioco". I concessionari hanno anticipato versamenti allo Stato (che si è accontentato di “pochi, maledetti e subito”) e per reperire le somme si sono indebitati con le banche. Ma la decrescita dei margini spinge a differire (anche per loro) il completamento della “restituzione”. E perciò il loro debito ha necessità di essere rifinanziato: raccogliendo sottoscrizione di obbligazioni e titoli, nella promessa di una redditività futura. E così che il volume lordo del consumo di gioco deve lievitare ad infinitum… cioè assottigliando i margini del “trattenuto” (e qui lo Stato perde più dei concessionari) e abbassando ulteriormente la soglia per agganciare le persone all’alea. E così, proseguendo, fino all’esplodere della bolla. E il governo che fa? Anche l’Esecutivo si mette al tavolo verde e versa le sue quote. Un esempio? Consentendo ai concessionari di maturare interessi bancari attivi sul cash flow. Cioè? Sapete quando vengono pagate le vincite “consistenti”? Dopo almeno tre settimane dall’evento. Tre settimane di interessi a vantaggio dei big della “raccolta”. Un altro regalo che senza saperlo i contribuenti accordano ai “diretti interessati”. Il flusso di cassa è un business secondario e cospicuo.

Ultima domanda: la manipolazione sarebbe possibile senza aver prima arruolato una sterminata popolazione alla dipendenza da gioco d’azzardo patologico? Come spezzare il legame tra business iperbolico e sofferenza da GAP di massa? Anche da queste domande ricaviamo che alla questione del gambling servono posizioni competenti, mentre superficiali e ingenue posizioni rischiano di aggiungere la beffa al danno.

Roma, 11 gennaio 2013

  • Edizioni

    2013

    2014

    2015

    • 2015-1 > PDF > Blog
    • 2015-2 > PDF > Blog

    2016

    • 2016-1 > PDF > Blog
    • 2016-2 > PDF > Blog
    • 2016-3 > PDF > Blog

    2017

    • 2017-1 > PDF > Blog
    • 2017-2 > PDF > Blog

    2018

    • 2018-1 > PDF > Blog
    • 2018-2 > PDF > Blog

    2019

    • 2019-1 > PDF > Blog

  • Redazione Alea Bulletin

    Gianni Savron

    Gianni Savron

    Gianmaria Zita

    Gianmaria Zita

    Maurizio Avanzi

    Maurizio Avanzi

    Graziano Bellio

    Graziano Bellio

    Daniela Capitanucci

    Daniela Capitanucci

    Fulvia Prever

    Fulvia Prever

    Claudio Dalpiaz

    Claudio Dalpiaz

  • F.A.Q.

    CHE COS'È QUESTA ROBA ?

    Caro lettore, ha davanti a te Alea Bulletin, una pubblicazione elettronica curata da ALEA in tema di gioco d’azzardo e gioco d’azzardo patologico.

    E CHI È ALEA ?

    Alea è l’associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio, la prima società scientifica italiana che si è impegnata nel campo dell’azzardo. Alea riunisce i maggiori studiosi italiani della materia e ha la missione di studiare il fenomeno del gioco d’azzardo e le sue ricadute personali, familiari, sociali, prima fra tutte lo sviluppo della patologia di dipendenza correlata (disturbo da gioco d’azzardo)

    NON SENTIVO IL BISOGNO DI UN’ALTRA MAIL INUTILE NELLA MIA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA.

    Hai tutta la nostra solidarietà: la mail inutili (spam) producono un danno significativo a chi lavora. Alea Bulletin verrà proposto a cadenza dilazionata, 3-4 volte l’anno ed è pronto a cancellarti dalla lista di invio se non ne vuoi più sapere. Le istruzioni per cancellarti sono in coda al Bulletin. Inoltre la mail non contiene la pubblicazione in allegato, ma solamente il link per poter scaricare i contenuti dal sito: ciò rende leggero il messaggio di posta e non appesantisce la tua casella. Abbiamo creato una mailing list iniziale con indirizzi di persone che supponevamo interessate. Se ci siamo sbagliati, ci scusiamo.

    VA BENE, PERÒ PRIMA VOGLIO CAPIRE: COSA C’È DENTRO ‘STO ALEA BULLETIN?

    Alea Bulletin è un prodotto unico nel campo italiano: propone brevi articoli sul tema dell’azzardo, organizzati in rubriche a cadenza variabile: ciò significa che non è previsto che ogni numero ospiti tutte le rubriche. Abbiamo pensato di organizzare gli articoli del Bulletin in: editoriali sintesi e commenti di un articolo significativo dal panorama internazionale sintesi e commento di un articolo significativo dal panorama italiano lavori o report originali su una propria esperienza o ricerca sunti di articolo, relazione o presentazione a convegno da parte dell’autore commenti, opinioni, valutazioni di normative, fatti, dichiarazioni, ed altro, in tema di azzardo recensioni di un manuale, un testo scientifico, un libro di narrativa, un film o altra opera artistica in tema di azzardo ‘fuori sacco’: contributi non organizzabili all’interno delle rubriche precedenti. Altre rubriche potranno essere inserite in futuro. Considera che al momento la pubblicazione, a causa della sua periodicità, non è adatta a commentare l’attualità o a fungere da notiziario con tempestività.

    MMHM... POTREBBE INTERESSARMI DARCI UNA OCCHIATA: TROVERÒ QUINDI GLI ABSTRACT DI ARTICOLI SCIENTIFICI?

    Troverai di più: alcuni articoli significativi verranno riassunti e commentati. Se gli articoli sono reperibili gratuitamente su Internet, ti daremo le coordinate per trovarli. Gli abstract invece li puoi trovare facilmente su Internet. Il ‘copia e incolla’ ci annoia: ci piace di più condividere un nostro pensiero, una nostra valutazione, qualcosa che ha stuzzicato il nostro interesse.

    CHI SCRIVE GLI ARTICOLI?

    Alea Bulletin è primariamente la voce di Alea e dei suoi soci. Potrebbero comparire anche articoli di altre persone non associate che ci sono vicine e che invitiamo a collaborare. Ma se tu hai qualcosa da dire, avanza la tua proposta: i riferimenti sono nelle note in coda al Bulletin.

    VEDO CHE C’È UN COMITATO DI REDAZIONE. FARETE UNA SELEZIONE DEGLI ARTICOLI?

    La qualità è il nostro obiettivo fondamentale perché Alea Bulletin è il nostro biglietto da visita. È importante che gli articoli rispettino i nostri parametri editoriali, ma non abbiamo interesse a selezionare e a escludere a priori. Il comitato è lì per consigliare gli opportuni aggiustamenti ai testi. Comunque ci aspettiamo di ricevere articoli interessanti e contributi originali.

    OK, MI AVETE CONVINTO. COME FACCIO PER OTTENERLO?

    Se non sei nella nostra iniziale mailing list, iscriviti inserendo i tuoi dati nella prima sezione di questa stessa pagina. E ricorda: i tuoi dati servono unicamente per ricevere Alea Bulletin. Se vuoi altre informazioni visita ogni tanto il nostro sito web.

    TUTTO BENE, ADESSO PERÒ VENIAMO AL DUNQUE: QUANTO MI COSTERÀ?

    Nulla: Alea Bulletin è del tutto gratuito.

    UN’ULTIMA COSA: HO LETTO IL BULLETIN, MA NON HO TROVATO NULLA SULLA LUDOPATIA.

    Né mai troverai nulla: questo termine è un neologismo creato da chi guadagna sull’azzardo e quindi fatto rimbalzare ad arte sui mass media e, ahimè, nei documenti governativi. Ludopatia è un termine che non esiste né nei testi scientifici, né nei dizionari di italiano (anche se c’è da scommetterci che presto verrà inserito). Se proprio ci tieni a leggere cose sulla ludopatia, esistono altre pubblicazioni.


Seguici su Twitter
  • Il poker consente di dimenticare tutto, compreso il fatto che non possiamo permetterci di giocare.

    Philippe Bouvard

  • Il senso del cavallo è un buon giudizio che trattiene i cavalli dallo scommettere sulle persone.

    W.C. Fields

  • "Non avendo pensieri da scambiarsi, si scambiano le carte, e cercano di portarsi via l'un l'atro i fiorini"
    A. Schopenauer

  • Nessun cane può correre così veloce come i soldi che scommetti su di lui.

    Bud Flanagan

  • Il giocatore d'azzardo quanto più è bravo nel suo mestiere, tanto più è disonesto.
    Publilio Siro, Sentenze

  • Il gioco è un suicidio senza morte.
    André Malraux La condizione umana, 1933

Resta in contatto !

ALEA – associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio - Licenza Creative Commons - CF e PI  01010650529 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - HTML5 and CSS3 compliant - I contenuti del sito ALEA sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported