Alea Bulletin

Bollettino di informazione specialistica in materia di azzardo. La redazione di Alea Bulletin, con periodicità variabile, raccoglie riflessioni, approfondimenti, recensioni, al fine di alimentare il dibattito scientifico e di offrire alla comunità degli operatori che lavorano nel settore informazioni corrette ed aggiornate.

ALEA Bulletin

2013

n° 2

Commento sul manuale di G. Serpelloni

Commento sul manuale di G. Serpelloni: Gambling - inquadramento generale, meccanismi fisiopatologici, vulnerabilità, evidenze scientifiche per la prevenzione, cura e riabilitazione

NGAPserpelloniel febbraio 2013 è stato pubblicato il manuale sul Gambling a cura di Giovanni Serpelloni del Dipartimento Politiche Antidroga; Il manuale sembra chiarire da subito l'intento di trattare il Gioco d'Azzardo Patologico (GAP) come una malattia e non come vizio o devianza. Nella introduzione infatti viene più volte ribadito come il GAP sia una malattia neuropsicobiologica del cervello, e quindi, una dipendenza patologica tout court o, meglio, una addiction.

{jcomments on}E' il primo scritto ufficiale in Italia che tenti di sistematizzare le ricerche scientifiche attuali con l'obiettivo di orientare gli sforzi degli operatori su questa patologia; per diversi motivi, tra i quali la complessità della patologia e la veloce evoluzione degli studi nazionali ed internazio- nali, questo manuale, che ha il pregio della novità, segna un inizio che sarà necessario sviluppare velocemente. Questo manuale è stato infatti pensato come un contributo e non come una linea guida per gli operato- ri dei servizi. Rimane quindi ancora la necessità di codificare le modali- tà operative per fornire una guida pratica/obiettiva basata su modalità standard e condivise che possa essere utilizzata dagli operatori coinvolti nell'assistenza ai malati di gioco d'azzardo.
Il libro si sofferma a lungo sugli aspetti patogenetici, sulla vulnerabilità e sul decorso della malattia. Viene infatti dato ampio spazio agli aspetti neurofisiologici che confermano l'impronta biologistica del libro; non mancano però alcune curiosità, tra queste va citata la tabella dei prodotti naturali che possono aumentare la tendenza al gioco d'azzardo patologico. Risulta interessante il capitolo sul percorso evolutivo del Gioco d'Azzardo patologico come anche il più controverso capitolo 7 sui possibili benefici del gioco d'azzardo che ricalca in diversa misura quanto già espresso da Shaffer e altri sulla "Guida Clinica al Trattamento" di Grant e Potenza; la lettura di questo capitolo pone alcuni dubbi sulla effettiva possibilità di trarre dei benefici del gioco d'azzardo poiché spesso sembra che si tenda a confondere il "gioco" inteso come attività ludico-ricreativa, momento di crescita della persona con coinvolgimento della sfera emotiva e dell'interazione con l'altro, con il gioco d'azzardo per se. Alcune affermazioni quali aumento della socializzazione oppure miglioramento della memoria, delle competenze matemati- che, della coordinazione manocchio a prima vista sembrano non coincidere con le descrizioni dei pensieri ossessivi ricorrenti, dell'impulsività incoer- cibile e con il senso impotente di "sudditanza cognitiva" riferite dai nostri pazienti. Inoltre, esercitando la professione, viene da domandarsi come il Gambling possa essere considerato utile per la "riduzione di ansia e stress negli adulti" dal momento che le maggiori richieste di trattamento derivano proprio dall'angoscia e dal senso di disistima personale generati dal gioco. Un capitolo corposo è quello sulla prevenzione del Gioco d'Azzardo in cui vengono ripercorsi i noti step fondamentali che regolano i principi della prevenzione in ambito sanitario; ci uniamo all'autore nell'auspicare che vengano messe in pratica politiche preventive efficaci sul Gioco d'Azzardo Patologico. L'approccio diagnostico, punto fondamentale per l'inquadramento e la cura del Gambling, è a nostro avviso poco rappresentato in questo manuale. Gli step diagnostici vengono suddivisi in 7 aree di valutazione che rimangono però poco approfondite; vengono citati come strumenti utili all'assessment i criteri del DSM-IV, il SOGS (South Oaks Gambling
Screen) e il GABS (Gambling Attitudes & Beliefs Survey). A nostro avviso sarebbe importante segnalare alcuni importanti lavori sulla sottotipizzazione dei pazienti Gamblers in diversi sottogruppi (ad es. il modello di Blaszczynski) che stanno dimostrando una sempre maggiore importanza della pianificazione di un assessment diagnostico mirato per un migliore approccio terapeutico.
Il neuroimaging trova uno spazio rispettoso dell'importanza che questa tecnica sta avendo nel campo delle neuroscienze e riesce a destare interesse la documentazione pubblicata e la sintesi dei lavori pubblicati in questo campo.
Il breve capitolo sulla terapia rappresenta un punto debole del manuale; già il titolo tradisce l'infruttuoso tentativo di condensare tre argomenti che meriterebbero di essere trattati in tre capitoli diversi: Principi di cura, riabilitazione e Livelli Essenziali di Assistenza(LEA). In questo capitolo si mischiano, in un continuum sfumato e poco coerente gli interventi psicoeducativi con le tecniche di psicoterapia cognitivo- comportamentale e la ristrutturazione cognitiva, il problema della doppia diagnosi e i trattamenti farmacologici: decisamente troppi contenuti in troppo poco spazio. In questo senso il manuale sembra subire le conseguenze del momento di impasse della ricerca farmacologica sul GAP connotato da poche certezze e da molte sperimentazioni su fronti opposti: il paragrafo sui trattamenti farmacologici è telegrafico e risulta ancora non sufficientemente sviluppato.
Il manuale pone una giusta attenzione al crescente rischio suicidario nei Giocatori patologici, un problema che rischia di essere sottovalutato in molti degli attuali servizi di cura; a tal proposito ci si domanda: quanti Sert o centri del privato sociale prevedono una consulenza psichiatrica nell'assessment di routine sul Giocatore?
In coda al manuale vengono riportati alcuni consigli sull'organizzazione dei dipartimenti delle dipendenze e su come monitorare i flussi di giocatori patologici tramite alcuni indicatori epidemiologici, si concorda con l'autore che sarebbe molto importante che le maggiori organizzazioni sanitarie iniziassero a farlo.
In conclusione il manuale ha l'utilità di fare il punto sulle ultime conoscenze in campo del Gioco d'Azzardo Patologico al fine di stimolare la curiosità ed amplificare la voce di chi sta già trattando, con le poche risorse a disposizione, il fenomeno Gambling. Come premesso dall'autore, il manuale vuole essere "un contributo a focalizzare il problema per evitare scelte basate sulla spinta emotiva e sul clamore mediatico" per questo l'aspetto terapeutico è solo parzialmente analizzato. A complemento di questo lavoro è necessario al più presto definire linee guida e chiari protocolli operativi per permettere un'assistenza del paziente basata su dati concreti, condivisi e confrontabili. Purtroppo ancora oggi la mancanza di chiari riferimenti mette a rischio, oltre che il malato, anche gli stessi operatori delle dipendenze che tuttora si trovano a dover affrontare condizioni di patologia a volte molto delicate scoprendo il fianco anche a problematiche medico-legali. Questo rischia di alimentare la ben nota prassi del "chi non fa non sbaglia" di cui l'Italia è, questa volta sì, riconosciuta come eccellenza anche all'estero.

 


Gianmaria Zita

  • Edizioni

    2013

    2014

    2015

    • 2015-1 > PDF > Blog
    • 2015-2 > PDF > Blog

    2016

    • 2016-1 > PDF > Blog
    • 2016-2 > PDF > Blog
    • 2016-3 > PDF > Blog

    2017

    • 2017-1 > PDF > Blog
    • 2017-2 > PDF > Blog

    2018

    • 2018-1 > PDF > Blog
    • 2018-2 > PDF > Blog

    2019

    • 2019-1 > PDF > Blog

  • Redazione Alea Bulletin

    Maurizio Avanzi

    Maurizio Avanzi

    Gianmaria Zita

    Gianmaria Zita

    Claudio Dalpiaz

    Claudio Dalpiaz

    Fulvia Prever

    Fulvia Prever

    Daniela Capitanucci

    Daniela Capitanucci

    Graziano Bellio

    Graziano Bellio

    Gianni Savron

    Gianni Savron

  • F.A.Q.

    CHE COS'È QUESTA ROBA ?

    Caro lettore, ha davanti a te Alea Bulletin, una pubblicazione elettronica curata da ALEA in tema di gioco d’azzardo e gioco d’azzardo patologico.

    E CHI È ALEA ?

    Alea è l’associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio, la prima società scientifica italiana che si è impegnata nel campo dell’azzardo. Alea riunisce i maggiori studiosi italiani della materia e ha la missione di studiare il fenomeno del gioco d’azzardo e le sue ricadute personali, familiari, sociali, prima fra tutte lo sviluppo della patologia di dipendenza correlata (disturbo da gioco d’azzardo)

    NON SENTIVO IL BISOGNO DI UN’ALTRA MAIL INUTILE NELLA MIA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA.

    Hai tutta la nostra solidarietà: la mail inutili (spam) producono un danno significativo a chi lavora. Alea Bulletin verrà proposto a cadenza dilazionata, 3-4 volte l’anno ed è pronto a cancellarti dalla lista di invio se non ne vuoi più sapere. Le istruzioni per cancellarti sono in coda al Bulletin. Inoltre la mail non contiene la pubblicazione in allegato, ma solamente il link per poter scaricare i contenuti dal sito: ciò rende leggero il messaggio di posta e non appesantisce la tua casella. Abbiamo creato una mailing list iniziale con indirizzi di persone che supponevamo interessate. Se ci siamo sbagliati, ci scusiamo.

    VA BENE, PERÒ PRIMA VOGLIO CAPIRE: COSA C’È DENTRO ‘STO ALEA BULLETIN?

    Alea Bulletin è un prodotto unico nel campo italiano: propone brevi articoli sul tema dell’azzardo, organizzati in rubriche a cadenza variabile: ciò significa che non è previsto che ogni numero ospiti tutte le rubriche. Abbiamo pensato di organizzare gli articoli del Bulletin in: editoriali sintesi e commenti di un articolo significativo dal panorama internazionale sintesi e commento di un articolo significativo dal panorama italiano lavori o report originali su una propria esperienza o ricerca sunti di articolo, relazione o presentazione a convegno da parte dell’autore commenti, opinioni, valutazioni di normative, fatti, dichiarazioni, ed altro, in tema di azzardo recensioni di un manuale, un testo scientifico, un libro di narrativa, un film o altra opera artistica in tema di azzardo ‘fuori sacco’: contributi non organizzabili all’interno delle rubriche precedenti. Altre rubriche potranno essere inserite in futuro. Considera che al momento la pubblicazione, a causa della sua periodicità, non è adatta a commentare l’attualità o a fungere da notiziario con tempestività.

    MMHM... POTREBBE INTERESSARMI DARCI UNA OCCHIATA: TROVERÒ QUINDI GLI ABSTRACT DI ARTICOLI SCIENTIFICI?

    Troverai di più: alcuni articoli significativi verranno riassunti e commentati. Se gli articoli sono reperibili gratuitamente su Internet, ti daremo le coordinate per trovarli. Gli abstract invece li puoi trovare facilmente su Internet. Il ‘copia e incolla’ ci annoia: ci piace di più condividere un nostro pensiero, una nostra valutazione, qualcosa che ha stuzzicato il nostro interesse.

    CHI SCRIVE GLI ARTICOLI?

    Alea Bulletin è primariamente la voce di Alea e dei suoi soci. Potrebbero comparire anche articoli di altre persone non associate che ci sono vicine e che invitiamo a collaborare. Ma se tu hai qualcosa da dire, avanza la tua proposta: i riferimenti sono nelle note in coda al Bulletin.

    VEDO CHE C’È UN COMITATO DI REDAZIONE. FARETE UNA SELEZIONE DEGLI ARTICOLI?

    La qualità è il nostro obiettivo fondamentale perché Alea Bulletin è il nostro biglietto da visita. È importante che gli articoli rispettino i nostri parametri editoriali, ma non abbiamo interesse a selezionare e a escludere a priori. Il comitato è lì per consigliare gli opportuni aggiustamenti ai testi. Comunque ci aspettiamo di ricevere articoli interessanti e contributi originali.

    OK, MI AVETE CONVINTO. COME FACCIO PER OTTENERLO?

    Se non sei nella nostra iniziale mailing list, iscriviti inserendo i tuoi dati nella prima sezione di questa stessa pagina. E ricorda: i tuoi dati servono unicamente per ricevere Alea Bulletin. Se vuoi altre informazioni visita ogni tanto il nostro sito web.

    TUTTO BENE, ADESSO PERÒ VENIAMO AL DUNQUE: QUANTO MI COSTERÀ?

    Nulla: Alea Bulletin è del tutto gratuito.

    UN’ULTIMA COSA: HO LETTO IL BULLETIN, MA NON HO TROVATO NULLA SULLA LUDOPATIA.

    Né mai troverai nulla: questo termine è un neologismo creato da chi guadagna sull’azzardo e quindi fatto rimbalzare ad arte sui mass media e, ahimè, nei documenti governativi. Ludopatia è un termine che non esiste né nei testi scientifici, né nei dizionari di italiano (anche se c’è da scommetterci che presto verrà inserito). Se proprio ci tieni a leggere cose sulla ludopatia, esistono altre pubblicazioni.


Seguici su Twitter
  • Il giocatore d'azzardo quanto più è bravo nel suo mestiere, tanto più è disonesto.
    Publilio Siro, Sentenze

  • Nessun cane può correre così veloce come i soldi che scommetti su di lui.

    Bud Flanagan

  • Il poker consente di dimenticare tutto, compreso il fatto che non possiamo permetterci di giocare.

    Philippe Bouvard

  • Il gioco è un suicidio senza morte.
    André Malraux La condizione umana, 1933

  • Il senso del cavallo è un buon giudizio che trattiene i cavalli dallo scommettere sulle persone.

    W.C. Fields

  • "Non avendo pensieri da scambiarsi, si scambiano le carte, e cercano di portarsi via l'un l'atro i fiorini"
    A. Schopenauer

Resta in contatto !

ALEA – associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio - Licenza Creative Commons - CF e PI  01010650529 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - HTML5 and CSS3 compliant - I contenuti del sito ALEA sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported